Due cartoline d’epoca, 1923-1933 del centro cittadino a 10 anni di distanza

Due cartoline d’epoca, 1923-1933, due immagini panoramiche del centro cittadino a 10 anni di distanza.

<>
<>

La foto in alto è stata realizzata dal Belvedere e nella cartolina viene datata 21 giugno 1923, è chiaro che la ricostruzione post terremoto del 1908 deve ancora cominciare. I baraccamenti ancora sono tutti in piedi, evidenti quelli situati nell’attuale piazza Giacomo Matteotti e al rione Valletta sull’attuale corso V. Emanuele II.

Ancora in evidenza il palazzo municipale vecchio e la spiaggia lunga e larga con all’estremo sud gli ultimi giardini rimasti dopo gli espropri per la costruzione delle baracche post terremoto al quartiere Calcoli. Non ci sono elementi per catalogare l’editore della cartolina, l’unica notizia e che è stata stampata a Terni.

Sotto una veduta quasi simile scattata dall’alto della rupe in direzione del Corso, la cartolina è datata 30 agosto 1933. Già si vede nettamente un centro più ordinato con le nuove costruzioni al posto delle baracche e davanti al municipio uno spazio libero. Dietro il municipio il palazzo regio, oggi sede delle poste italiane e fino a qualche decennio fa anche sede della pretura.

Il Corso ancora delimitato a nord subito dopo il municipio dalla casa dei Gentiluomo e a sud da quella Carati. Dopo la Sirena il nuovo quartiere De Nava in muratura che sostituisce il rione baraccato Pavia costruito grazie all’impegno della città lombarda e dell’ing. Rebecchi e che fu distrutto completamente da un incendio che si diramò da una baracca all’altra.

Ai tempi del fascismo si fece di tutto, anche tentate di cancellare la memoria di chi aiutò materialmente la cittadina a risollevarsi sostituendo il nome di quel rione con quello dell’ing. De Nava che certamente non aveva bisogno di essere ricordato a scapito della città di Pavia. Ma nonostante questo ancor oggi la totalità della popolazione lo continua a chiamare rione Pavia.

La fotografia è stata realizzata dallo studio Francesco Iracà per l’editore Santamaria Silvestre che nel corso degli anni ha prodotto tante cartoline di qualità.

<>
<>

Post Author: Gianni Saffioti