Santi Mongiovì, detto Mangiavia, un video del popolare personaggio bagnarese

<>
<>
<>

Santo Mongiovì, detto Mangiavia, un video del popolare personaggio bagnarese e una poesia di Rocco Nassi

Nato il 30 agosto del 1919 era un persona che si ammalò durante la seconda guerra mondiale, cosi come  diceva lui stesso  a noi ragazzi quando aveva voglia di parlare un pò e raccontare la storia della sua vita. Solitario, viveva con la moglie e non amava la confusione in genere, quando dediceva lui si fermava a parlare con gli altri, spesso recitava a memoria lunghi brani della divina commedia o di altre opere celebri delle letteratura italiana. Il suo modo di fare, introverso e solitario veniva equivocato dal pregiudizio e cosi per molti diventò la leggenda di un personaggio cattivo, tipo bau bau, dove portare i bambini che facevano i capricci.

Rocco Nassi con la sua poesia, che nel video viene sussurrata con dolce e immenso rispetto, lo descrive rispecchiando la sua vera personalità,  smentisce l’ennesino  falso popolare e riporta il nostro protagonista a persona normale, sfatando ancora una volta una favola della cultura popolare bagnarese. Muore il 23 marzo del 2002.

Poesia di Rocco Nassi

Mangiavia.

Sutt’ ô ponti r’a ferrovia

stava ’i casa Mangiavia

e quandu a peri jeu passava

s’o viriva mi spagnava

Pecchì quandu faciva u malu,

e mi mentiva a camurria,

me’ mamma mi riciva

ca mi porta ndi Mangiavia.

Quandu randi u canuscia

mi parrava così ngarbatu,

mi cuntava chi p’a guerra

fu jà chi cariu malatu.

Ropu ‘n annu, u mariceju,

na disgrazia nci succeriu,

a mugghjeri cariu malata

e a corpu s’a quagghjàu.

Tutt’i jorna ô cimiteru

a peri si ndi nchjinava,

cu nu mazziceju ’i hjuri

à so’ mugghjeri nci portava.

So’ mugghjieri era tuttu,

era nu gingillu d’oru.

Era tutt’a so’famigghja,

paṭṛi, mamma, frati e soru.

Post Author: Gianni Saffioti