Ing. Jose Di Biasi

<>

Ing. Jose Di Biasi

 

     Un’altra storia: quella di un emigrante bagnarese che nell’anno 1950, chiamato dal suo fratello maggiore, avendo solo 14 anni e proveniente da una famiglia di bisognosi pescatori, ha lasciato la sua terra, la sua famiglia, i suoi amici e tutto quello che aveva amato, per andare in Argentina in cerca di un miglior avvenire.

      Questo ragazzo che a Bagnara faceva il pescatore e che soltanto aveva frequentato fino alla 5ª elementare, senza una famiglia  in una terra e una lingua per lui sconosciute e praticamente senza aiuto da nessuno, lavorando di giorno e studiando di notte ha prima compiuto le scuole elementari argentine, poi si é diplomato in Elettrotecnica nelle Scuole Medie e per ultimo si é laureato in Ingegneria  all’Universitá Tecnologica Nazionale di Buenos Aires, sempre nella Specialitá di Ingegneria Elettrica. Ha lavorato per quasi 40 anni nell’ Azienda Elettrica Statale, simile alla AEM (Azienda Elettrica di Milano), entrando da manovale e durante il suo percorso ha scalato posizioni arrivando a svolgere posizioni rilevanti nella citata Azienda fino ad andare in pensione nel 1993.  Pensando sempre di ritornare in Italia, nel 1972/73 Di Biasi ha fatto convalidare la sua Laurea al POLITECNICO DI MILANO dove per equipollenza gli hanno conferito la Laurea di “Dottore in Ingegneria Elettrotecnica” valida per tutta l’Italia.

     Questo è il riassunto della sua storia, che racconta quanti sacrifici abbiano dovuto fare piú o meno tutti gli emigranti che lasciarono la Patria in cerca di una migliore qualitá di vita altrove, cosa che l’Italia di quei tempi non poteva offrirci. Degli amici d’ infanzia che ha lasciato a Bagnara, ce ne sono tre con i quali ha conservato una affettuosa amicizia, si tratta di Pietro Bagalá, il secondo amico é il Geometra Sarino Gioffré e il terzo  si chiama Gregorio Parisi che faceva il barbiere e adesso é in pensione. Questo Gregorio aveva il salone di fronte a Piazza Matteotti, ma da alcuni anni abita al Rione Valletta.

<>
<>

Post Author: Gianni Saffioti