U chjoscu r’a Bajetta è una poesia di Rocco Nassi del gennaio 2021.

U chjoscu r’a Bajetta

è una poesia di Rocco Nassi del gennaio 2021.

Sempre più raffinato e attento ai mutamenti sociali della cittadina, Rocco plasma il dialetto con sempre più ingegno e disinvoltura. Percepisce i sintomi antropologici, li cattura come se fossero immaggini del tempo che scorre, che trasforma le cose che danno continuità alla vita dello stesso luogo. Il chiosco, ieri era punto strategico  e di ritrovo di un rione popolare e popolato posto sul corso Vittorio Emanule II  all’incrocio con la via SS. Pietro e Paolo, la più importante del rione. Oggi è un luogo triste, quasi abbandonato. Domani sarà certamente diverso e saranno altri versi, altre poesie, altri poeti a ricordarlo.

U chjoscu r’a Bajetta.

poesia di Rocco Nassi

Rrivau l’ura r’a me’ passiata

a calata ’i San Petru rrirendu rrivu,

giru p’o corsu e mi veni mi scrivu

sta poesia pe’ stu pezzu ’i  ṣṭṛata:

Oji non viju a don Sarvaturi

e mancu figghjoli ravanti a viṭṛata

e ora com’ora a nfin’a sirata:

merici,avvucati e professuri.

R’i chicchirichì no’ mi sperdïja

comu r’i caramelli e r’i cciocculati,

mi manca u jacciolu a ṣṭṛiscji tagghjati

e tuttu u me’ mundu r’a lliccardïja.

Era u rriṭṛovu r’i libri e giornali

r’i lapis e pinni e tuttu p’a scola,

 r’i gazzusi a cafè e r’a spuma viola

e r’i rriṭṛattini e r’i busti a rrigali.

Oji esti u locu r’a machinetta

senza cchjù fogghji nt’a pizzicarola,

ciangi stu ventu chi nenti rrivola

e non mi pari mancu a Bajetta.

No’ esti cchjù r’i so’ paisani

stu chjoscu chi parra na lingua muta,

sentu u so’ cori chi chianu si stuta

comu a so’ vita fuiuta r’i mani.

 

nb: Il chicchirichì è un dolcetto di cioccolata, molto in voga negli anni 70, a forma di cupola con una cialda di wafer come base ripieno di una spuma bianca (chiara d’uovo montata a neve).

<>
<>
<>

Post Author: Gianni Saffioti