U Ninareju a cura di Mimma Laurendi

” pe l’animicea ri morti”

Fino a qualche tempo fa, come da tradizione popolare, il 2 novembre a Bagnara era la giornata ru “ninnareju”.

 Il giorno dei morti si usava passare casa per casa dove la gente aspettava i bambini offrendogli ” l’ossa i morti” (dolci zuccherati a forma di ossa di morto) noci, castagne e anche qualche spicciolo.

Era un modo di fare “pe l’anima ri morti” (in suffragio ai morti), non c’era bisogno di suonare nelle case perchè le porte erano tutte aperte e si aspettavano i bambini con ansia.

Oggi non rimane che il ricordo dei profumi per le strade del nostre paese che un tempo, pur non avendo nulla,dava tanto, sopratutto amore e solidarietà!

Post Author: Gianni Saffioti