A pisciata r’a bagnarota. Poesia di Rocco Nassi

A pisciata r’a bagnarota

poesia in dialetto bagnarese di Rocco Nassi

Elaborazione tratta da un antico detto popolare legato alla notorietà della figura simbolo della cittadina che oramai era diventata un mito in buona parte della provincia per la sua intraprendenza, tanto da farla divenire anche taumaturgica.

Passare da detto popolare, forgiato indubbiamante fuori dalla cittadina chissà da chi e chissà quando, a modo di dire il passo e breve. Oggi resta il detto ” Va fatti pisciari i na Bagnarota”  che va riferito alle persone “abbandonate dalla sorte e cadute in sfortuna” è usato ironicamante come sottolinea Rocco nella sua poesia. E l’ironia spunta proprio dalle parole della bagnarota, che cercata disperatamante come soluzione a propri mali dallo sfortunato  credulone, lo delude e lo mortifica dicendogli della triste realtà della sua vita e del perchè di quel detto popolare assolutamante non vero. La pipì fatta per strada e per necessità non ha  fatto mai miracoli, soprattutto a se stessa che si pisciava addosso ogni giorno, riportando cosi la figura della bagnarota da taumaturgica a dimensione umana, che Rocco semplifica in modo  geniale in questa quartina:

– Figghju nci provai tutti i jorna
e tutti i jorna ’i ncoju mi pisciai,
mi crisciru sulu i pili janchi
ma sordi no’ ndi vitti mai!
Volendo sviluppare  il significato di questa frase in maniera dettagliata ci perderemmo in pagine di storie e   racconti di vecchie bagnarote, che visti i tempi e le necessità, non disdegnavano di fare la pipì in piedi in qualsiasi posto si trovassero, aiutate dalla ampie e lunghe gonne che le proteggevano e le rendevano quasi invisibili a chi accidentalmente passava in quel momento. Diciamo che espletare i propri bisogni che oggi può apparire alquanto sfrontato, era una comune abitudine per chi come loro restava ore e ore lontano da casa non avendo nessuna possiblità di farla in modo diverso. Abitudine che in paese non era solo delle popolane ma anche di alcune donne della casta e che è durata fino agli inizi degli anni settanta.

 A pisciata r’a bagnarota

 

– Scusati amicu! Canusciti a za Cìcca?

Mi rissuru chi staci ccà â marina;

so’ maritu avi na varchitta,

so’ figghja si chjama Carmelina.

– Se sapiti a ngiuria r’a za Cìcca,

allura figghju vi pozzu jutari,

sennò chiju chi vi pozzu diri:

cchjù avanti nci potiti spiari.

No’ fici mancu centu meṭṛi ’i ṣṭṛata

chi vitti ssettata a na vecchjareja,

sula sula e ch’i capiji janchi,

propriu nt’a n’ angulu ’i vineja

– Signora, scusati! Canusciti a za Cìcca?

– Figghju bellu sugnu jeu!

Nci ṣṭṛingia a manu, mi cacciai a barrita

e nci cuntai tuttu u fattu meu.

– Mi rissuru mi ṭṛovu na vecchja bagnarota,

ch’i sti miraculi ndi sapi fari:

perdia lavuru, casa e sordi,

e mi ṭṛovu mura mura c’u spitali;

mi partia ’i tantu luntanu

mi mi fazzu pisciari ’i na bagnarota,

se mi cacciati pe’ fauri tutt’i mali

e a furtuna mi torna n’ auṭṛa vota.

– Figghju nci provai tutti i jorna

e tutti i jorna ’i ncoju mi pisciai,

mi crisciru sulu i pili janchi

ma sordi no’ ndi vitti mai!

<>
<>
<>

Post Author: Gianni Saffioti