Alcune liste elettorali degli anni 20 del partito Bianco

Prima della seconda guerra mondiale e  dopo il maggioritario, nella nostra poco ridente, purtroppo, cittadina la politica era ed è in mano alle famiglie, o con termini più moderni, ditte, cricche, coalizioni che si “aggiustano” per gestire la cosa pubblica, nulla di strano, tutto legale perchè la legge lo consente. Nel periodo di mezzo, dal dopoguerra e per quasi tutta la durata del proporzionale, il fenomeno, anche se accentuato era stato diluito dai partiti politici e dalle ideologie che in qualche modo avevano dato movimento, anche se minimo, alla nostra società i cui ritmi ancor oggi volenti o dolenti sono dettati ancora quasi esclusivamente dalle scadenze del calendario religioso. Laborioso, non per nulla difficile e complicato sarebbe svolgere il tema in questione prendendo il 900 come metro di studio per capire il perchè delle cose, naturalmente oggi come oggi non ne vale la pena. Il futuro del paese, segnato già nelle elezioni del 1914, stenterà ancora per molto tempo a vedere una luce vera, ed è già passato più di un secolo.

Tornando al nostro tema, vi presentiamo tre bozze di liste degli anni venti del partito Bianco dove incontrastati erano il potere e la volontà della famiglia De Leo.

Si ringrazia per la gentile concessione il dott. Alessandro Carati.

Post Author: Gianni Saffioti