Capitano Salvatore Patamia

Salvatore Patamia nato a Bagnara il 9 luglio 1876 fu capitano a soli 26 anni e fu tra gli ultimi capitani della stirpe della famiglia Patamia.

Per la cronaca ricordiamo che una delle navi che portarono i 1000 garibaldini a Marsala, che apparteneva ai Florio, era comandata proprio da un Patamia. La navigazione delle navi fu segreta, esse viaggiarono sotto scorta e protezione inglese da Quarto a Marsala e non a Palermo com’era stato prima stato stabilito in quanto gli inglesi non riuscirono a corrompere nella capitale siciliana i Borboni per poter sbarcare indisturbati. Uno sbarco a Palermo sarebbe stato un vero suicidio.

Il veliero più veloce del Mediterraneo dei primi del novecento, esposto al museo della navigazione di Civitavecchia, appartiene proprio agli armatori Patamia originari di Bagnara.

Si ringrazia per la gentile concessione e le notizie riportate i nipoti Salvatore Patamia, attualmente capo del segretariato generale del ministero dei beni culturali e Salvatore Lugarà Patamia, già medico specialista in malattie del lavoro e medico delle ferrovie dello stato, presidente della commissione provinciale invalidità e pensioni.

Dott. Salvatore Patamia

Dott. Salvatore Lugarà Patamia

Il dott. Salvatore Patamia al museo di Reggio Calabria in visita ufficiale

Post Author: Gianni Saffioti