Vincenzo Fondacaro è stato a Caprera

Pubblichiamo su gentile concessione del dott. Antonino Pasquale Calabrò uno stralcio di un prezioso rarissimo libricino pubblicato a Roma nel 1884, Ed. Edoardo Perino, contenente il diario di bordo dell’impresa effettuata dall’autore Capitano Vincenzo Fondacaro tra il 1880 e il 1881 e che avvalora le tesi esposte dallo stesso dott. Calabrò a Bagnara Calabra il 17 agosto 2014 durante il  “Convegno su Vincenzo Fondacaro, un eroe da ritrovare”, evidenziando le grandi lacune storiche di altri relatori che hanno criticato l’operato dello studioso di Bagnara.

” Nella “premessa”, Fondacaro, sintetizza le motivazioni dell’ardimento: sperimentazioni, amor di patria, spirito garibaldino, gloria della marina italiana.

Va estratto per evidenziarlo  il periodo «…la visita ricevuta  sul mio battello da S.M. Re Umberto…., la splendida accoglienza del Gen. Garibaldi a Caprera…»

Questo per sottolineare alcune imprecisazioni espresse nel “Convegno su Vincenzo Fondacaro, un eroe da ritrovare” svoltosi a Bagnara Calabra il 17 agosto 2014, dove si è negata l’influenza e il riferimento a Giuseppe Garibaldi financo ad escludere l’incontro a Caprera.”

Post Author: Gianni Saffioti