Terremoto 1908

TERREMOTO I9O8

“Se viriti nell’anno 1908 erano li cincu e menza ri mattina.

La prima scossa noi siamo storditi, sicunda scossa ci siamo insospettiti.

‘Cattiru chiesi,palazzi,castelli. Se viriti la chiesa Matri lu sulu cappelluni ‘nci viriti.

Ora pighiamu Riggiu e l’autri cittati na furma di maceri diventati.

Ora pighiamu Messina, non sulu ca ‘nci fu lu terremotu ma puru ca ‘nci fu lu maremotu.

Non sulu ca ndi moriru quantitatidi ammazzati….. triccentu morti e quarata feriti.

 

I casi erinu a dui e tri piani, fatti i grossi petri. Petri angolari i cinquanta chili. E chi scossi ‘nci fu na mortalità enormi. Feriti avvissi vogghia. Mi ricordu ca ieu era avanti a na zia mia ca aviva na piccula finnestrea e ‘nci rissi ” Oh mamma na fumata ‘ncè.”E poi duranti a jornata sempri venivinu piccoli scossi.Tutti, omini e fimmini chi facivimu preghieri cogghiuti, cogghiuti cogghiuti, masculi e fimmini. E venivinu sempri piccoli scossi; e la paura.”

A zzà Maria di Marinella classe 1896

Post Author: Gianni Saffioti